Per effettuare i cicli di elettrostimolazione al muscolo denervato, esclusivamente su prescrizione medica, è possibile noleggiare o acquistare Compex Physio ad un prezzo molto vantaggioso.
Inoltre, con un piccolo contributo, possiamo organizzare la consegna e ritiro a domicilio.

Per un corretto utilizzo terapeutico è necessario rivolgersi a personale specializzato: medico e fisioterapista.

NOLEGGIO COMPEX PHYSIO

COSTO MENSILE 180,00€ + IVA

(massimo tre mensilità)

comprensivo di elettrodo in gomma, gel, puntale per denervato

CONTRIBUTO PER CONSEGNA E RITIRO A DOMICILIO EURO 12,50 + IVA

PER INFORMAZIONI E NOLEGGIO
INFO LINE: 02 9355 9169

Sig.ra Emanuela
(dalle 9.00 alle 13.00)

OPPURE CONTATTACI COMPILANDO IL FORM QUI SOTTO

Nome e Cognome *
Nome e Cognome

Elettrostimolazione del muscolo denervato
Un muscolo denervato viene stimolato per rallentare i fenomeni degenerativi, cioè la trasformazione irreversibile della parte contrattile (fibra muscolare) in tessuto fibroso, cercando di mantenere attivi i processi metabolici connessi con la contrazione.
L'elettrostimolazione deve essere eseguita quotidianamente per tutto il tempo necessario alla rigenerazione del nervo, producendo contrazioni muscolari vigorose, ma senza affaticare il muscolo.

L'elettrostimolazione muscolare trova indicazione in diversi quadri clinici
Nel caso di muscoli denervati totalmente o parzialmente viene impiegata con lo scopo di evitare o rallentare i fenomeni degenerativi, cioè la trasformazione irreversibile della componente contrattile in tessuto fibroso. Nel muscolo denervato si assiste ad una rapida perdita di peso, con diminuzione del calibro delle fibre muscolari ed aumento del tessuto connettivo.
Il muscolo denervato sottoposto ad elettrostimolazione presenta una riduzione di peso e di diametro delle fibre significativamente inferiore rispetto a quello non sottoposto a stimolazione. Il pericolo maggiore però per un muscolo denervato non è tanto l'ipotrofia ma l'atrofia ( cioè il progredire dei fenomeni degenerativi e la conseguente fibrosi) perché questa costituisce una sorta di barriera fisica, con ostacolo alla successiva reinnervazione delle rimanenti fibre muscolari. La stimolazione deve essere iniziata il più precocemente possibile, deve protrarsi per tutto il tempo teoricamente necessario alla reinnervazione, deve essere eseguita quotidianamente (meglio due trattamenti giornalieri), deve avere un'intensità tale di provocare contrazioni muscolari vigorose ma non deve affaticare il muscolo.
L'elettrostimolazione del muscolo innervato trova impiego in vari campi della medicina (ortopedia, traumatologia, neurologia, medicina sportiva e potenziamento muscolare in campo sportivo).

L'elettrostimolazione, nel caso l'attività volontaria sia temporaneamente impossibile o ridotta (soggetto anziano, cardiopatico, traumatizzato) costituisce la forma più valida ed economica di trattamento dell'ipotrofia muscolare.

(fonte: nodol.altervista.org)